VENERDI 10: LE MASTERCLASS DA NON PERDERE!

Venerdì: dedicato a coloro che sono sulla via dello Yoga da tempo, che vogliono approfondire la propria conoscenza, che si appassionano a uno stile o un insegnante e traggono beneficio nel conoscerlo meglio; a tutti questi amici YogaFestival propone un venerdì di masterclass, lezioni più lunghe del normale, per affrontare con pienezza e attenzione l’argomento proposto e ricevere, alla fine, l’Attestato di Partecipazione che arricchirà il personale bagaglio di esperienza.
Sei masterclass con sei insegnanti di notevole carisma e preparazione, da scegliere se si è veramente preparati ad ampliare la propria vista.
Gabriella Cella, la Signora dello Yoga Ratna, bellezza senza tempo e preparazione profonda, presente per coinvolgere con mantra, mudra, simboli e respiro l’essenza del suo Yoga. Patrick Torre, riconosciuto come una vera autorità nel campo del Nada Yoga o Yoga del Suono, esplora la potenza della vibrazione nella pratica. Piero Vivarelli, master di Anusara Yoga, personalità eclettica e insegnamento limpido e chiaro, sviluppa il tema del suo interiore e la sua risonanza.  Antonio Nuzzo, tra i più influenti teachers italiani, parte ancora da più in là ad esplorare il mondo della vibrazione soffermandosi sui segreti del Pranayama. Anna Inferrera, bravissima e preparatissima, affronta il tema dei supporti musicali e dei suoni nella corretta pratica. Raghunath, dalle molte vite, prima frontman di un gruppo punk rock, poi monaco buddhista, infine insegnante di Yoga dalla seria disciplina, è presente in un eccezionale e unico incontro in Italia, esclusivo per Yogafestival e dedicato a chi è capace di rompere gli schemi e guardare oltre il consueto. Philippe Djoharikian, appena sceso dalle montagne dell’Himalaya. condivide le sue esperienze nello Yoga Himalayano, potente e rinvigorente, per anime forti.
E ancora. Gianpiero Carezzato in una lezione per adulti e adolescenti, per padri e madri con figli teenagers, per giovani studenti, per universitari e in generale per tutti coloro che “dovrebbero” fare Yoga ma non si cimentano o non abbastanza. Per Gianpiero, coinvolgere giovani è diventata una missione e il suo approccio amicale, senza sovrastrutture ha il potere di coinvolgerli fin dalle prime parole. Ingresso 2 x 1 (si viene in due ma il secondo paga meno).

Venerdì, ci si prende il tempo di ascoltare, ascoltarsi e praticare sereni: la vita, fuori, può aspettare.